sabato 6 maggio 2017

A Maggio del 1860 - Corso dei Mille


Dalle mie parti a volte nevica, più spesso c'è un sole che spacca il cervello. Dalle mie parti chiunque è arrivato sempre via mare: anche oggi è così e capisco che per la gente di pianura può essere difficile entrare in quest'ordine di idee.
Ho scritto dopo aver camminato nell’ultima porzione di Corso dei Mille a Palermo; ho scritto dopo aver attraversato per intero l’isola in cui sono nato.

Volevo che questo scritto fosse diverso ma mi sono incantato davanti a un carretto pieno di frutta e verdura…era uguale ad uno che vedevo da bambino nel paese di mia madre. Ho chiesto al vecchio che fumava quanto costavano le pesche e glielo detto in italiano: mi sono sorpreso quando mi ha risposto.
Da qui, da questi stessi luoghi, sono discesi i volontari di Giuseppe Garibaldi.
Più penso alla spedizione dei mille, più ne leggo, più ogni cosa mi appare inverosimile; potrei invocare il destino che tutto ordina e dirige, anche a nostra insaputa, ma sinceramente non mi basta. Al fondo di ogni cosa mi resta in bocca il sapore di uno scherzo che coi giorni è diventato storia concreta, di una goliardata romantica che alla fine devo guardare col rispetto del sangue sparso per un ideale che ancora, dopo 150 anni, chiede un riconoscimento che forse non arriverà mai. Dei Mille non c’è più traccia alcuna, solo un nome su un angolo di strada polverosa e vociante; eppure essi erano qui, vicino al ponte dell’ammiraglio partirono le prime schioppettate e caddero i primi morti. Questo straccio di nazione che ci è restato fra le mani, quella dei girotondi in piazza, di Berlusconi e di Umberto Bossi, di Monti e Di Pietro quella è nata qui, è nata sulle strade di quest’isola e ha iniziato a camminare il 5 maggio del 1860 sulla costa di Marsala che è molto più vicina a Tunisi che a Torino.

A leggere di quei giorni sembra tutto naturale: lo scoglio di Quarto, i volontari, le idee e le giubbe rosse...c’erano uomini che in Sicilia ci volevano scendere, erano convinti che la spedizione si poteva e si doveva fare, che fosse un’occasione unica per dare alla storia una sterzata decisiva.

Io adesso sento solo il silenzio della polvere che devasta l’ossario di Pianto Romano a Calatafimi e vedo lo squallore di una bandiera tricolore lasciata a seccare al sole d’estate.
Sono siciliano ma gli uomini di questo governo mi hanno offeso e, con me, hanno ingiuriato tutti quelli che hanno provato a fare gli italiani dopo aver fatto l’Italia come disse Massimo D’azeglio.
Ho negato per quarant’anni che la frase di un illustre meridionale avesse un qualche significato storico o sociale: “ Ora che l’Italia è fatta, dobbiamo fare gli affari nostri…” Lo scrisse De Roberto nel romanzo i Vicerè, mettendola in bocca a un notabile siciliano nel periodo che immediatamente seguì all’annessione al Piemonte.
Quella frase rimbomba feroce dentro di me, rimbalza sul mio sentirmi cittadino italiano, scivola sulla mia cultura e contraddice i miei ideali in qualcosa di più grande di una città o di una regione.

Sta scendendo la sera, c’è odore di panelle e il cielo della mia città fra poco avrà quel colore impossibile blu che definisce e piega all’immaginazione anche i sogni più ribelli.
 Io sono siciliano…ho trascorso tutta la mia vita sperando di non essere solo quello ma è inutile, Corso dei Mille è solo il viatico di un' emozione essiccata, perché la storia è passata da qui ma se n’è andata da molto tempo. Salutiamo.

Una piccola postilla: è qui palese il motivo per cui su alcuni post ho lasciato i vecchi commenti. Non è solo un motivo di "curiosità temporale", è capitato negliultimi anni che io abbia scritto i miei unici post all'interno dei commenti. Sono fatto così.

3 commenti:

  1. I Blog sono il regno della parola scritta e della sua interpretazione: un terreno infido e scivoloso tanto più quanto chi scrive ha pochi peli sulla lingua e una personalità diciamo non elementare. In circa 5 anni almeno tre o quattro volte sono arrivato AD UN PUNTO DI ROTTURA DEFINITIVA CON ALCUNI BLOGGER ( un solo uomo tra questi) Compio i miei sbagli è vero ma chi è senza peccato...

    RispondiElimina
  2. Su Blogger affondi il coltello in una piaga: giorno dopo giorno non so cosa riuscirò a leggere, a commentare, a scrivere. Blogger è la Triade del web: inferno nebbia paradiso.
    Quanto al post: i ricordi che proponi sono quelli riferiti alla storia scritta e 'raccontata' a scuola, quella ricordata nelle cosiddette commemorazioni ufficiali. La passione per la lettura sovente fa incappare in libri che, dopo, preferiresti non aver letto, restando invece comodamente adagiato in quanto nel tempo ti è stato propinato.
    Ultimamente ho fatto l'errore di leggere il libro TERRONI, di Aprile. Mi sarebbe piaciuto interpretarlo come un romanzo storico, con variazioni sul tema soggettive all'autore.
    Invece è stato un susseguirsi di pugni allo stomaco, nei suoi precisi documentati riferimenti, nei suoi episodi che per la più parte non conoscevo. Da quell'Italia "fatta" in quel modo non poteva uscire altro che quel "facciamo gli affari nostri" di De Roberto, puntualmente messo in atto in questi 150 anni, e drammaticamente più in auge che mai oggi come nell'immediato ieri.
    Sentirsi italiani oggi può essere interpretato soltanto come una fede, cieca come ogni fede.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro di Pino Aprile è una FACCIA della realtà, una faccia ignorata da 150 anni. Fa comodo, come dici giustamente tu, adagiarsi sulle confortanti notizie che giungono dalla bocca della verità ufficiale.
      Questa Italia ha iniziato il suo cammino unitario come Nazione poggiandosi su menzogne terribili.
      Il Regno delle due Sicilie era il più vasto e uno dei più ricchi delle penisola; erano gli altri in miseria. I più poveri e i più arretrati erano i ducati dell'appennino tosco emiliano, e molte regioni del Lombardo Veneto. Il regno di Sardegna navigava in acque scure, la politica estera brillante e incisiva di Cavour aveva dissanguato le casse e i Savoia erano alla frutta. Il regno più povero e arretrato dell'Italia di allora e anche il più retrivo era quello pontificio! Altro che luce divina, sangue e miseria materiale e morale! Uno schifo talmente forte da far rabbrividire gli studiosi di allora.
      Dobbiamo leggere Gatto, leggere e confrontare ipotesi e teorie, dobbiamo sapere cosa fu la cosiddetta "lotta al brigantaggio" e come mai l'emigrazione iniziò DOPO l'unità... come mai questa nazione nuova e piena di buoni propositi fece letteralmente scappare milioni di poveracci che PRIMA sopravvivevano e dopo dovettero salvarsi attraversando l'oceano.
      BALLE Gatto, balle a gogò che io personalmente non accetto più da almeno 20 anni.

      Elimina

Dietro ogni commento c’è un mistero e una persona, usatelo bene.
Vi rappresenta per quello che siete.